02
MAR 22

integrazione disposizioni art. 29 DL 4/2022

Con riferimento alla procedura in oggetto, si comunica che ai sensi dell’art. 29 dl nuovo DL 4/2022 Sostegni-ter recante “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all'emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico”. risulta obbligatorio inserire le clausole di revisione dei prezzi previste dall’articolo 106, comma 1, lettera a), primo periodo del Codice.

Con specifico riguardo agli appalti di lavori, l'articolo 29 prevede che, in deroga all’articolo 106, comma 1, lettera a), quarto periodo del Codice, le variazioni di prezzo dei singoli materiali da costruzione, in aumento o in diminuzione, siano valutate dalla stazione appaltante soltanto se tali variazioni risultino superiori al 5% (anziché 10% come previsto dall'art. 106) rispetto al prezzo, rilevato nell’anno di presentazione dell’offerta, anche tenendo conto di quanto previsto dal decreto del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili di cui al comma 2, secondo periodo del medesimo articolo 29. In tal caso si procede a compensazione, in aumento o in diminuzione, per la percentuale eccedente il 5% e comunque in misura pari all’80% (mentre l'art. 106 prevede il 50%) di detta eccedenza, nel limite delle risorse di cui al comma 7 dell'articolo 29 stesso.

Pertanto ne discende che 

  • Si applica l’art. 106 comma 1 lett.a) nelle more di quanto previsto dal secondo e dal terzo periodo del medesimo comma 1;
  • per i contratti relativi ai  lavori,  in  deroga  all'articolo 106, comma 1, lettera a), quarto periodo, del decreto legislativo  n.50 del 2016,  le  variazioni  di  prezzo  dei  singoli  materiali  da costruzione,  in  aumento  o  in  diminuzione,  sono  valutate  dalla stazione appaltante soltanto se tali variazioni  risultano  superiori al cinque  per  cento  rispetto  al  prezzo,  rilevato  nell'anno  di presentazione dell'offerta, anche tenendo conto  di  quanto  previsto dal decreto del Ministero  delle  infrastrutture  e  della  mobilita' sostenibili di cui al comma  2,  secondo  periodo.  In  tal  caso  si procede  a  compensazione,  in  aumento  o  in  diminuzione,  per  la percentuale eccedente il cinque per cento e comunque in  misura  pari all'80 per cento di detta eccedenza, nel limite delle risorse di  cui al comma 7 dello stesso art. 29 del DL 4/2022
  • l'appaltatore  presenta  alla  stazione appaltante l’'istanza di compensazione, per i lavori eseguiti nel rispetto dei termini indicati nel relativo cronoprogramma.
  • Sono esclusi dalla compensazione i lavori contabilizzati nell'anno solare di presentazione dell'offerta.

per quanto non espressamente indicato si rimanda all’art. 29 in questione.

Ultimo aggiornamento il 2022-03-02 10:21:21

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Provincia di Frosinone

Piazza Gramsci, 13 Frosinone (FR)
Tel. 0775219375 - Email: gareappalti@provincia.fr.it - PEC: gare@pec.provincia.fr.it