Gara - ID 322

Stato: Scaduta


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante Comune di Alatri
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
GARA SUA N. 71/2020 ACCORDO QUADRO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE RIVOLTO ALLE FAMIGLIE, MINORI E ADOLESCENTI DEL DISTRETTO SOCIO-ASSISTENZIALE “A”. COMUNE DI ALATRI
CIG86481116F5
CUP
Totale appalto€ 500.000,00
Data pubblicazione 12/03/2021 Termine richieste chiarimenti Venerdi - 26 Marzo 2021 - 10:00
Scadenza presentazione offerteMartedi - 30 Marzo 2021 - 12:00 Apertura delle offerteMercoledi - 31 Marzo 2021 - 09:30
Categorie merceologiche
  • 8531 - Servizi di assistenza sociale
DescrizioneGARA SUA N. 71/2020 ACCORDO QUADRO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE RIVOLTO ALLE FAMIGLIE, MINORI E ADOLESCENTI DEL DISTRETTO SOCIO-ASSISTENZIALE “A”. COMUNE DI ALATRI
Struttura proponente COMUNE DI ALATRI
Responsabile del servizio DANIELA FARAONE Responsabile del procedimento
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf disciplinare-a.q.-servizi-di-prevenzione - 1.02 MB
12/03/2021
File pdf capitolato-speciale-dappalto-servizio-di-prevenzione - 242.86 kB
12/03/2021
File doc modulo-a-1-domanda-di-partecipazione-e-dichiarazioni-a.q.-alatri - 234.50 kB
12/03/2021
File doc modulo-ausiliata- - 137.50 kB
12/03/2021
File doc modulo-offerta-ribasso-doc - 149.50 kB
12/03/2021
File doc modulo-atto-di-impegno- - 139.50 kB
12/03/2021
File doc modulo-ausiliaria - 135.00 kB
12/03/2021
File pdf modello-dgue - 1.26 MB
12/03/2021
File xml dgue-request-15 - 15.96 kB
12/03/2021
File pdf elenco-personale-la-parola-ai-ragazzi - 301.58 kB
24/03/2021
File pdf elenco-personale-officine-per-la-famiglia - 783.76 kB
30/03/2021

Avvisi di gara

12/04/2021Avviso agli Utenti!
A tutti coloro che fossero interessati alla partecipazione passiva della seduta pubblica della gara in oggetto potranno farlo cliccando il seguente link:  https://studioamica-it.zoom.us/j/94275145344?pwd=eGd3dWJsUUEyclZjdkJ1Zm5mR1hoUT09 In caso di cad...
07/04/2021Comunicazione data di apertura della busta Busta B - Offerta Tecnica della procedura Aperta: GARA SUA N. 71/2020 ACCORDO QUADRO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE RIVOLTO ALLE FAMIGLIE, MINORI E ADOLESCENTI DEL DISTRETTO SOCIO-ASSISTENZIALE “A
Si comunica che l'apertura della busta Busta B - Offerta Tecnica per la procedura in oggetto avverra in data Lunedi - 12 Aprile 2021 - 16:00...
31/03/2021Avviso agli Utenti!
A tutti coloro che fossero interessati alla partecipazione passiva della seduta pubblica della gara in oggetto potranno farlo cliccando il seguente link:  https://studioamica-it.zoom.us/j/93788160153?pwd=QVVmK3dKZGRsdVpmOWViU0FwT2NBQT09 In caso di cad...

Chiarimenti

  1. 19/03/2021 16:00 - Gentilissimo RUP,
    con la presente si intende porgere alla Vs attenzione la seguente richiesta di chiarimenti:

    1) L’importo a base d’asta è 500.000,00€?

    2) Il modello per l’offerta economica, nella sezione “dati da tabella ministeriale”, reca la dicitura “Retribuzione annua lorda da tabelle ministeriali CCNL del settore socio sanitario - aprile 2020”. Visto l’ulteriore aumento a settembre 2020 (circa 400,00€), perché non prendere come riferimento appunto l’aumento di settembre 2020?

    3) Ancora il modello per l’offerta economica: la retribuzione annua lorda da tabelle ministeriali CCNL del settore socio sanitario - aprile 2020 € 29.218,27 corrisponde al livello di inquadramento contrattuale C3/D1. Nel capitolato, art. 9, le figure da impiegare per lo svolgimento dei servizi corrispondono a diversi profili professionali, inquadrati diversamente dal C3/D1, come ad esempio gli operatori per il servizio “Officine per la famiglia” e “La Parola ai Ragazzi” che secondo il CSA sono in C1; si chiedono pertanto maggiori delucidazioni su come compilare correttamente le tabelle del modello per l’offerta economica, vista la varietà di profili professionali da impiegare nei servizi per cui è gara.

    4) Una volta determinato il costo orario offerto ((a) + (axb) + ((a)+(axb))x(c)), qual è il moltiplicatore da tenere in considerazione al fine di non superare l’importo a base d’asta, visto che ogni componente del servizio consta di un numero differente di ore? (Officina per le famiglie: centri socio educativi 3672 ore annue + 400 ore di programmazione + ore supporto psicologico + ore spazio neutro | La parola ai ragazzi: 1290 ore annue per i centri di aggregazione + 70 ore ulteriori attività + 150 ore referenza del servizio);

    5) Infine si chiede precisazione in merito alle 400 ore di programmazione e organizzazione incontri di rete previste nell’ambito dei centri socio educativi. Sono da considerarsi ulteriori rispetto alle ore del Coordinatore Servizio Officina previste all’art. 9?

    Si allega file pdf contenente il medesimo testo ma con elementi grafici che permettono una comprensione migliore delle domande poste.


     


    Premesso che l’appalto è finalizzato alla individuazione di un operatore economico con cui sottoscrivere un accordo quadro, rinviando poi ai contratti attuativi l’attuazione del servizio dei limiti temporali ed economici definiti nell’accordo stesso.
    Cio premesso, in merito ai quesiti posti alla nostra attenzione si rappresenta quanto segue:

    quesito 1)
    L’importo a base d’asta (euro 500.000,00 iva esclusa)  indica il valore massimo dell’accordo quadro ossia l’importo massimo spendibile per le prestazioni oggetto dell’accordo quadro, ma non è l’importo minimo garantito dall’ente.  
     
    Quesito 2)
    Il dato indicato è quello riferito al momento della stesura del progetto. Come specificato nelle risposte successive il concorrente dovrà stabilire i valori:
    -        Incidenza delle ore non lavorate (dato assoluto)
    -        Incidenza delle spese generali (dato in %)
    -        Incidenza dell’utile (dato in %)
    che resteranno invariati per tutta la durata dell’accordo e che consentiranno di definire il costo di ciascuna figura professionale che il servizio richiederà attraverso il seguente ragionamento:
     
    1.)    Si stabilisce la figura professionale di cui si ha bisogno
    2.)    Dal CCNL si determina il costo di tale figura professionale
    3.)    Dal monte ore teorico si detrae il monte ore non lavorato ottenendo così il monte ore mediamente lavorato
    4.)    Il costo annuo rilevato dal CCNL per la figura di cui si ha bisogno si divide per il monte ore mediamente lavorato di cui al punto 3 ottenendo così il costo medio orario
    5.)    Al costo medio orario si aggiunge l’incidenza delle spese generali e l’incidenza dell’utile dichiarati in sede di gara ottenendo così il costo orario complessivo.
    6.)    Moltiplicando il costo orario di cui al punto 5 per il numero di ore richieste alla figura professionale per lo specifico contratto attuativo si ottiene il costo totale che il comune dovrà all’operatore economico affidatario dell’accordo quadro.
     
    Quesito 3)
    Il dato scelto, ossia la figura D1/C3, è puramente indicativo in quanto la finalità è quella di avere un dato economico unitario da poter confrontare così da poter individuare il soggetto che ha formulato l’offerta economica migliore.
    Come spiegato al punto 2 una volta che il concorrente avrà fissato i seguenti valori
    -        Incidenza delle ore non lavorate (dato assoluto)
    -        Incidenza delle spese generali (dato in %)
    -        Incidenza dell’utile (dato in %)
    che resteranno invariati per tutta la durata dell’accordo, il comune avrà tutti i dati per definire i costi di ciascuna figura professionale di cui avrà bisogno. Il metodo è quello di cui al punto 2.

    4) come rappresentato in premessa la gara è finalizzata a sottoscrivere un accordo quadro la cui durata è nei limiti temporali ed economici definiti nei documenti di gara. L’attuazione del servizio avverrà attraverso la sottoscrizione dei successivi contratti attuativi.

    5) vale quanto sopra definito. Ossia si tratta di un accordo quadro la cui attuazione è stabilita dai vari contratti attuativi.
     
    23/03/2021 13:58
  2. 18/03/2021 17:27 - Condizioni contrattuali, economiche e normative del personale attualmente impiegato nel servizio “La parola ai ragazzi”
    Vista la sezione 2.6 del Disciplinare, in cui è richiamata la clausola sociale come prevista dall'art. 50 del D.lgs. 50/2016, si chiede, in riferimento al servizio denominato “La parola ai ragazzi” il dettaglio delle condizioni, attualmente applicate, ed in particolare:
    a)            il CCNL applicato;
    b)            i livelli riconosciuti ed eventuali scatti di anzianità;
    c)            numero di operatori impiegati per ogni qualifica;
    d)            il monte ore settimanale di ogni operatore;
    e)            eventuali benefit al personale;
    f)             eventuali condizioni di miglior favore derivanti da accordi locali.


     


    In risposta al quesito posto, potete visionare l’elenco del personale impiegato dall’attuale gestore del servizio “La parola ai ragazzi” tra gli allegati di gara. Il file è stato appena inserito in piattaforma.
    24/03/2021 13:05
  3. 23/03/2021 16:20 - Gentilissimo RUP,
    con riguardo alla compilazione del DGUE elettronico, nella parte IV lettera C “Capacità tecniche e professionali”, è possibile compilare soltanto 5 campi.
    In caso di necessità di più campi per elencare i requisiti di capacità tecnica (ovvero i servizi gestiti negli ultimi 3 anni), la Stazione Appaltante terrà in considerazione il modello “domanda di partecipazione e dichiarazioni”? (nel quale invece è possibile elencare tutti i servizi senza limitazione alcuna).
     


    In merito al quesito posto si chiarisce che, in materia di requisiti di partecipazione alla gara, il DGUE e il modello A1 da noi allegato (domanda di partecipazione) devono considerarsi equipollenti. Pertanto, qualora il DGUE non consentisse di specificare tutti i requisiti di capacità tecnica o professionale posseduti dal concorrente (o anche altri requisiti) è ben possibile indicarli nella domanda di partecipazione compilata in base al modello A1, avendo cura di specificare tutti i campi necessari a consentire alla Stazione Appaltante le verifiche in caso di successiva aggiudicazione dell’appalto.  
    24/03/2021 13:11
  4. 24/03/2021 10:34 - Buongiorno, si chiede gentilmente di poter avere precisazioni in merito alle seguenti questioni:
    1. Redazione DGUE.
    Stante che tra gli atti di gara per il DGUE sono disponibili più file (“DGUE-Request.xml”, “dgue-request-15.xml” e “modello-dgue.pdf”).
    Si chiede di voler confermare:
    1. che i due file xml del DGUE siano alternativi tra loro
    2. che compilando e presentando il DGUE, formato pdf, generato tramite il portale “https://gare.provincia.fr.it/” le prescrizioni degli atti di gara siano interamente soddisfatte. 
     
    1. Beneficiario della garanzia provvisoria
    Tenuto conto che l’art. “3.3.1.  Garanzia provvisoria (articolo 93 del Codice)” del disciplinare di gara al punto a) chiede di intestare la garanzia al Comune di Alatri mentre al punto g) del medesimo articolo chiede di indicare quale beneficiario della garanzia provvisoria l’Ente Appaltante (ENTE APPALTANTE: Provincia di Frosinone).
    Si chiede di chiarire quale ente (Provincia di Frosinone o Comune di Alatri) debba essere indicato quale beneficiario della garanzia.

     


    In risposta al primo quesito si chiarisce quanto segue:
     – i diversi file del DGUE allegati sono equipollenti e, quindi, alternativi tra loro. Pertanto, compilando e presentando il DGUE in formato pdf le prescrizioni della lex specialis di gara sono interamente soddisfatte. Si specifica inoltre che, qualora il concorrente avesse la necessità di dichiarare il possesso di requisiti ulteriori o diversi rispetto a quelli indicati nel DGUE può farlo nella modello A1 da noi predisposto (domanda di partecipazione).

    In merito al secondo quesito si chiarisce che la garanzia provvisoria deve essere intestata al Comune di Alatri in quanto ente aggiudicacatore dell’appalto in parola,
    24/03/2021 13:16
  5. 24/03/2021 16:17 - Gentilissimo RUP, In relazione alla procedura, si chiedono i seguenti chiarimenti:
    1)In riferimento al servizio “Officine per la famiglia” si chiedono le condizioni contrattuali, economiche e normative del personale attualmente impiegato, in particolare: 
    a) il CCNL applicato;
    b) i livelli riconosciuti ed eventuali scatti di anzianità;
    c) il monte ore settimanale di ogni operatore;
    d) eventuali benefit al personale;
    e) eventuali condizioni di miglior favore derivanti da accordi locali.

    2) Considerando che le sedi di svolgimento dei servizi verranno messe a disposizione dai Comuni del Distretto socio assistenziale A, si chiede cosa si intenda al punto O) del Modulo a1 che recita   “Di essere in possesso di struttura idonea per lo svolgimento del servizio”
    3) Considerando l’art. 2.6 del Disciplinare, in cui è richiamata la clausola sociale come prevista dall'art. 50 del D.lgs. 50/2016, si chiede se quanto richiesto alla lettera P) del Modulo a1 sia un refuso
    4)Considerando l’art. 2.6 del Disciplinare, in cui è richiamata la clausola sociale come prevista dall'art. 50 del D.lgs. 50/2016, si chiede se quanto richiesto alla lettera V) del Modulo a1 sia un refuso
     


    In risposta ai quesiti posti si specifica quanto segue:

    quesito n.1: è possibile visionare l’elenco del personale attualmente impiegato per la gestione del servizio “officine per la famiglia” tra gli atti di gara. A tal riguardo, si fa presente che l’elenco è stato appena inserito e che dall’elenco sono stati eliminati nomi e cognomi dei dipendenti per la tutela dei dati personali.

    quesiti n.2,3 e 4: si chiarisce che il modello A1 costituisce un modulo prestampato in formato word, che può essere liberamente compilato e modificato dal concorrente in relazione alle specifiche esigenze connesse al servizio appaltato. Pertanto, qualsiasi riferimento non attinente al servizio di cui trattasi va considerato un refuso di stampa. In particolare, circa il possesso di struttura idonea allo svolgimento del servizio si rimanda a quanto previsto espressamente dagli artt. 6 e 7 del capitolato speciale d’appalto. Inoltre, in virtù della clausola sociale, si conferma che la ditta aggiudicataria è tenuta ad assorbire prioritariamente il personale dipendente già impiegato nella gestione del servizio.
    26/03/2021 11:35
  6. 25/03/2021 16:04 - Gent.mo RUP,
    in merito alla presenza di soggetti art. 80 c. 3 cessati dalla carica nell’anno antecedente la pubblicazione del bando di gara, è sufficiente che il legale rappresentante rilasci la dichiarazione di assenza cause esclusione art. 80 IN NOME E PER CONTO DEL SOGGETTO CESSATO, da inserire nel DGUE alla stregua di quanto fatto per soggetti attualmente in carica (come suggerito a pag. 17 del Disciplinare di gara) o è indispensabile che tale soggetto cessato produca una dichiarazione da firmare digitalmente a suo nome e caricarla nella busta virtuale “A” insieme al resto delle dichiarazioni?


    In relazione alla vostra richiesta, si specifica che è sufficiente che il legale rappresentante dell’impresa rilasci la dichiarazione di assenza cause esclusione ex art 80 in nome e per conto del soggetto cessato, da inserire nel DGUE e/o nel modello A1 domanda di partecipazione. 
     
    26/03/2021 11:39

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Provincia di Frosinone

Piazza Gramsci, 13 Frosinone (FR)
Tel. 0775219375 - Email: gareappalti@provincia.fr.it - PEC: gare@pec.provincia.fr.it