Gara - ID 337

Stato: Pubblicazione


Registrati o Accedi Per partecipare

ProceduraAperta
CriterioMinor prezzo
OggettoServizi
GARA PROV. N. 2/2021    PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO   DI   TESORERIA DELLA PROVINCIA DI FROSINONE PER IL PERIODO  2021 – 2025
CIG8697946C18
CUP
Totale appalto€ 61.000,00
Data pubblicazione 19/04/2021 Termine richieste chiarimenti Lunedi - 17 Maggio 2021 - 12:00
Scadenza presentazione offerteVenerdi - 21 Maggio 2021 - 09:30 Apertura delle offerteVenerdi - 21 Maggio 2021 - 10:30
Categorie merceologiche
  • 666 - Servizi di tesoreria
DescrizioneGARA PROV. N. 2/2021   PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO   DI   TESORERIA DELLA PROVINCIA DI FROSINONE PER IL PERIODO  2021 – 2025.
Struttura proponente PROVINCIA DI FROSINONE
Responsabile del servizio ANDREA DI SORA Responsabile del procedimento
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf disciplinare-servizio-tesoreria-provincia-frosinone - 1.02 MB
19/04/2021
File pdf all.-a-progetto-del-servizio - 302.04 kB
19/04/2021
File pdf schema-di-convenzione - 205.78 kB
19/04/2021
File doc modulo-ausiliata-servizi - 136.00 kB
19/04/2021
File doc modulo-offerta-ribasso-con-prezzo-e-tabella - 136.00 kB
19/04/2021
File doc modulo-a-1-domanda-di-partecipazione-e-dichiarazioni - 227.00 kB
19/04/2021
File doc modulo-atto-di-impegno- - 137.50 kB
19/04/2021
File doc modulo-ausiliaria-servizi - 133.50 kB
19/04/2021
File xml dgue-request - 14.29 kB
19/04/2021
File pdf modello-dgue - 1.19 MB
19/04/2021
File pdf conto-del-bilancio-anno-2019- - 9.36 MB
03/05/2021
File pdf relazione-organo-revisione-consuntivo-2019 - 1.76 MB
03/05/2021

Avvisi di gara

13/05/2021Modifica date procedura Aperta: GARA PROV. N. 2/2021    PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO   DI   TESORERIA DELLA PROVINCIA DI FROSINONE PER IL PERIODO  2021 – 2025
Si comunica che non potendo ancora rispondere ad un quesito in quanto l’informazione deve pervenire dalla Banca D’Italaia si è ritenuto opportuno modificare le date relative la procedura in oggetto nel seguente modo A seguire la tabella riepilogativa...
03/05/2021Modifica date procedura Aperta: GARA PROV. N. 2/2021    PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO   DI   TESORERIA DELLA PROVINCIA DI FROSINONE PER IL PERIODO  2021 – 2025
Si comunica l'avvenuta modifica delle date relative la procedura in oggettoA seguire la tabella riepilogativa delle date aggiornateTermine richieste chiarimenti04/05/2021 12:00Scadenza presentazione offerte14/05/2021 09:30Apertura delle offerte14/05/2021 ...

Chiarimenti

  1. 21/04/2021 10:10 - Alla c.a. del R.U.P. Dr Andrea Di Sora

    Egr. Dr Andrea Di Sora buongiorno,

    in relazione alla gara “Provincia n. 2/2021 – procedura aperta per l’affidamento del Servizio di Tesoreria della Provincia di Frosinone per il periodo  2021 – 2025”, sono cortesemente a richiedere i dati qui di seguito indicati.
     
    1) Con riferimento a ciascun esercizio finanziario del triennio 2018-2020 si richiede quale sia stato l’importo massimo dell’anticipazione concesso o che eventualmente avrebbe potuto essere concesso;
    2) Quale sia la modalità di calcolo della suddetta anticipazione e in base a quali parametri del bilancio essa sia determinata;
    3) Sempre in ciascuno degli esercizi del triennio 2018-2020 qual è stato l’utilizzo medio dell’anticipazione; 
    4) Numero dei mandati e delle reversali emesse nel citato triennio ed al 30/03/2021;
    5)Numero dei bonifici effettuati nel suddetto periodo;
    6) Numero dei Dipendenti;
    7) Importo relativo alle giacenze depositate presso il Tesoriere nel triennio 2018-2020 ed all'attualità;
    8) Numero dei POS attualmente nelle disponibilità della Provincia di Frosinone;
    9) Numero delle transazioni POS effettuate annualmente nel triennio 2018-2020 ed al 31/03/2021.

    Da ultimo si rappresenta altresì quanto segue:

    essendo prevista dal Disciplinare di gara la fornitura della cauzione provvisoria come dettagliato al punto a.3) versamento sul conto di Tesoreria della Stazione appaltante presso la Tesoreria della Stazione appaltante presso la Banca Unicredit Banca di Roma CODICE IBAN: IT 94 J 02008 14809 0000 6531 2476

    ed in relazione al paragrafo successivo

    ai sensi dell’articolo 93, comma 8, del Codice, impegno di un fideiussore, anche diverso da quello che ha rilasciato la garanzia provvisoria, a rilasciare la garanzia fideiussoria per l’esecuzione del contratto (cauzione definitiva) di cui all’articolo 103, comma 1, del Codice, se l’offerente risulta aggiudicatario;

    si chiede come possa essere assolto il precedente impegno ovvero se il concorrente possa dichiarare nel bonifico di versamento della cauzione provvisoria che “si impegna a prestare cauzione definitiva in caso di aggiudicazione del Servizio”
     


    In risposta a tutti i quesiti posti, si chiarisce quanto segue:
    1) in riferimento al triennio 2018-2020 non risulta alcuna anticipazione di Tesoreria, visto l’ammontare medio di cassa a disposizione del Ns. Ente;

    2) Anche se non esiste la necessità di utilizzare anticipazione di Tesoreria da parte della Provincia di Frosinone, vista la giacenza media e attuale di seguito riportata, in ogni caso il metodo di calcolo risulta così come indicato nella Legge di stabilità 2020 (L. n. 160/2019) con riferimento al comma 555 dell’art. 1 che ha elevato da 3 a 5/12 delle Entrate Correnti tale calcolo. Si ribadisce la mancata necessità da parte del Ns. Ente di voler far fronte a tale anticipazione vista la cassa disponibile (libera) del Ns. Ente oltre la parte vincolata;

    3) nel triennio 2018-2020 non avendo utilizzato anticipazione di Tesoreria non si può comunicare un utilizzo medio, per quanto sopra riportato nei punti 1) e 2);

    4) il numero dei mandati emessi nel triennio 2018-2020 risulta pari a:
    - Anno 2018 mandati n. 5957
    - Anno 2018 reversali n. 4581
    - Anno 2019 mandati n. 6258
    - Anno 2019 reversali n. 4555
    - Anno 2020 mandati n. 5803
    - Anno 2020 reversali n.4389
    - Anno 2021 (dal 01/01 al 31/03) mandati n. 1290
    - Anno 2021 (dal 01/01 al 31/03) reversali n. 802
    5) Bonifici emessi:
    - Anno 2018 n. 45
    - Anno 2019 n. 42
    - Anno 2020 n. 37
    - Anno 2021 (01/01 – 31/03) n. 10

    6) Dipendenti al 31/12/2020 della Provincia di Frosinone risulta pari a n. 289;

    7) Non esistono giacenze depositate presso il Tesoriere nel triennio 2018-2020 ed anche alla data odierna non risultano somme depositate;

    8)Attualmente non esistono POS nella disponibilità della Provincia di Frosinone;

    9) Non esistono pertanto transazioni POS effettuate nel triennio 2018-2020 ed al 31/03/2021 per quanto indicato al precedente punto 8)

    Da ultimo in merito alla cauzione provvisoria si comunica quanto segue:
    Visto il comma 8 dell'art. 97 del DLgs 507/2016 che recita:
    L'offerta è altresì corredata, a pena di esclusione, dall'impegno di un fideiussore, anche diverso da quello che ha rilasciato la garanzia provvisoria, a rilasciare la garanzia fideiussoria per l'esecuzione del contratto, di cui agli articoli 103 e 104, qualora l'offerente risultasse affidatario. Il presente comma non si applica alle microimprese, piccole e medie imprese e ai raggruppamenti temporanei o consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole e medie imprese.
    È onere del concorrente allegare una dichiarazione di un fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria per l'esecuzione del contratto, di cui agli articoli 103 , qualora l'offerente risultasse affidatario.
     
    23/04/2021 13:59
  2. 21/04/2021 11:31 - Alla c.a. del R.U.P. Dr Andrea Di Sora

    Egr. Dr Andrea Di Sora buongiorno,

    sempre in relazione alla gara “Provincia n. 2/2021 – procedura aperta per l’affidamento del Servizio di Tesoreria della Provincia di Frosinone per il periodo  2021 – 2025”, sono cortesemente a richiedere anche i seguenti ulteriori elementi:

    Giacenza media presso Bankit nel triennio 2018/2020 ed all’attualità
    Totale entrate ed uscite sempre nel medesimo triennio




     


    In risposta al quesito posto si veda quanto di seguito riportato:

    La giacenza media nel triennio 2018-2020 risulta pari ad euro 36.500.000,00 circa
    Attualmente alla data del 23/04/2021 la giacenza risulta pari ad euro 38.295.703,00
    Anno 2018 entrate pari ad euro 75.250.330,27
    Anno 2018 uscite pari ad euro 76.462.756,32
    Anno 2019 entrate pari ad euro 73.379.940,35
    Anno 2019 uscite pari ad euro74.288.790,45
    Anno 2020 entrate pari ad euro 76.582.402,65
    Anno 2020 uscite pari ad euro 74.175.888,38
    Anno 2021 alla data odierna (23/04/2021) entrate pari ad euro 17.784.706,62
    Anno 2021 alla data odierna (23/04/2021) Uscite pari ad euro 19.335.439,16
     
    23/04/2021 14:01
  3. 23/04/2021 13:39 - Per permettere la giusta valutazione della gara è necessario formulare i seguenti quesiti:

    Si chiede l’importo richiesto per l’anticipazione di Cassa negli ultimi tre esercizi ed eventuale utilizzo medio;
    Si chiede l’importo annuo delle transazioni effettuate attraverso le postazioni POS suddiviso tra Pagobancomat e carte di credito;
    Si chiede il numero dei mandati emessi nell’anno precedente con tipologia di pagamento in contanti allo sportello;
    Si chiede una stima dei versamenti mensili in contanti previsti presso la filiale da parte di cittadini/utenti e uffici dell’amministrazione provinciale;

    Si chiedono le modalità attuali di incasso delle entrate relative ai servizi provinciali;

    Si chiede il numero e l’importo degli eventuali pignoramenti notificati e comunicazione delle riserve effettuate;
    Si chiede di chiarire cosa si intende per “Il Tesoriere si impegna a favorire i servizi di multicanalità di pagamento verso l’ente in conformità alle norme che regolano il Sistema Pubblico dei Pagamenti (PagoPA) di Agid e future evoluzioni, fornendo altresì i conseguenti strumenti di rendicontazione dei flussi.” previsto nell’art 4, punto 16 della convenzione. A riguardo si chiede se sia richiesto il servizio di partner tecnologico;

    Si chiede di precisare quali siano le commissioni previste nell’art 4, punto 14 della convenzione “Il transato mediante carta di credito sarà assoggettato alla commissione definita in sede di gara.”, non essendo indicato nulla nell’offerta economica;


    Si chiede di aggiornare il Vostro portale “Amministrazione Trasparente” con il bilancio consuntivo/rendiconto del 2019 e con i relativi indicatori di deficit strutturale ex D.M. del 28.12.2018. Elementi necessari per una valutazione completa della gara.

    Si chiede se sia previsto un plafond massimo (annuale o per tutta la durata della convenzione) per le operazioni di Finanziamento per mutui Ipotecari/Chirografari e se la banca tesoriara in caso di richiesta sia obbligata alla concessione, non trovando riferimenti nella convenzione del servizio

    In relazione al parametro stabilito per i tassi attivi e passivi si precisa che, con decorrenza 1 aprile 2019, la European
    Money Markets Institute, (EMMI) amministratore dei tassi EURIBOR ha cessato il calcolo e la pubblicazione dell’EURIBOR
    in base alla convenzione ACT/365 giorni e, pertanto, viene pubblicato unicamente l’EURIBOR con base ACT/360 giorni.
    Alla luce di quanto sopra si chiede di confermare la variazione del parametro di riferimento. 

     


    In merito ai quesiti posti, si specifica quanto segue:
    1. In riferimento al triennio 2018-2020 non risulta alcuna anticipazione di Tesoreria, visto l’ammontare medio di cassa a disposizione del Ns. Ente. Anche se non esiste la necessità di utilizzare anticipazione di Tesoreria da parte della Provincia di Frosinone, vista la giacenza media e attuale di seguito riportata, in ogni caso il metodo di calcolo risulta così come indicato nella Legge di stabilità 2020 (L. n. 160/2019) con riferimento al comma 555 dell’art. 1 che ha elevato da 3 a 5/12 delle Entrate Correnti tale calcolo. Si ribadisce la mancata necessità da parte del Ns. Ente di voler far fronte a tale anticipazione vista la cassa disponibile (libera) del Ns. Ente oltre la parte vincolata. Ad ogni modo, nel triennio 2018-2020, non avendo utilizzato anticipazione di Tesoreria non si può comunicare un utilizzo medio per quanto sopra riportato.
    2. Attualmente non esistono POS nella disponibilità della Provincia di Frosinone. Non esistono pertanto transazioni POS effettuate nel triennio 2018-2020 ed al 31/03/2021.
    3. il numero dei mandati emessi nel triennio 2018-2020 risulta pari a:
    Anno 2018 mandati n. 5957
    Anno 2018 reversali n. 4581
    Anno 2019 mandati n. 6258
    Anno 2019 reversali n. 4555
    Anno 2020 mandati n. 5803
    Anno 2020 reversali n.4389
    Anno 2021 (dal 01/01 al 31/03) mandati n. 1290
    Anno 2021 (dal 01/01 al 31/03) reversali n. 802
    Bonifici emessi:
    Anno 2018 n. 45
    Anno 2019 n. 42
    Anno 2020 n. 37
    Anno 2021 (01/01 – 31/03) n. 1
    1. Non si rilevano versamenti in contanti.
    2. Gli incassi vengono effettuati con bonifici su Bankit, con bollettini di c/c postale
    3. Risultano n. 2 pignoramenti effettivi in essere. Si specifica nel contempo che risultano molti pignoramenti di cui risulta richiesta dal Ns. Ente la cancellazione ma che l’Istituto Tesoriere non ha ancora provveduto a tale adempimento.
    4. Non si richiede il servizio di partner tecnologico
    5. La commissione si considera pari a zero euro, cioè con servizio offerto gratuitamente.
    6. Adesso il portale amministrazione trasparente risulta aggiornato
    7. La banca Tesoriera non risulta obbligata nella concessione di mutui anche perché il Ns. Ente si avvle della Cassa DD.PP.
    8. Si conferma il parametro così come specificato da European Money Markets Institute (EMMI).
    29/04/2021 11:56
  4. 29/04/2021 11:53 - Spettabile Provincia di Frosinone
    Alla c.a. del R.U.P. Dr Andrea Di Sora:
    In relazione alla gara “Provincia n. 2/2021 – procedura aperta per l’affidamento del Servizio di Tesoreria della Provincia di Frosinone per il periodo 2021 – 2025”, siamo cortesemente a richiedere i seguenti chiarimenti.
    • Con riferimento alla sottoscrizione di tutta la documentazione di gara da parte del Legale Rappresentante, si chiede di confermare la validità della sottoscrizione di detta documentazione da parte di soggetto facoltizzato e che, in luogo della procura, sia ritenuto idoneo a legittimare il potere di sottoscrizione, un estratto di verbale di Consiglio di Amministrazione della scrivente in ordine all’attribuzione dei poteri di firma per la partecipazione a gare per l’acquisizione di servizi di cassa e/o tesoreria. L’estratto sarà corredato di una dichiarazione attestante le generalità del sottoscrittore e l’abilitazione dello stesso all’esercizio delle facoltà di firma previste dal predetto verbale di Consiglio di Amministrazione.
    • Nell’offerta economica per i tassi debitore e creditore viene indicato il parametro di riferimento dell’Euribor 3 mesi (base 365).
      Al riguardo si evidenzia che l’European Money Market Institute, organismo deputato al calcolo dei parametri ufficiali Euribor, ha previsto la cessazione, a partire dal 1° aprile 2019, di qualunque forma di pubblicazione dei parametri Euribor su base 365. 
      Si chiede pertanto di confermare che debba essere preso in considerazione il parametro “Euribor a 3 mesi su base 360”.
    • Nell’offerta economica viene previsto il “Tasso di riduzione da applicarsi alla percentuale di interesse richiesto dalla Cassa Depositi e Prestiti per mutui ipotecari/chirografari, ovvero sprovvisti di garanzie reali”. 
      Posto che in convenzione non ci sono obblighi sulla concessione di mutui ipotecari e/o chirografari, si chiede di confermare che la mancata indicazione di questo tasso potrebbe comportare, per tale elemento, solo la relativa attribuzione di punteggio pari a zero e non l’esclusione dalla gara
    • Lo schema di convenzione prevede che “in merito alle riscossioni di somme affluite sui conti correnti postali intestati all’Ente per i quali al Tesoriere è riservata la firma di traenza, il prelevamento dai conti medesimi è disposto esclusivamente dall’ente medesimo a cadenza quindicinale, mediante una specifica richiesta di prelevamento firmata dal responsabile del servizio finanziario”. 
      Si chiede conferma che il Tesoriere potrà effettuare i prelevamenti dai conti correnti postali intestati all’Ente anche con modalità diverse dal prelevamento tramite assegno postale, come, ad esempio, la procedura SDD. L’Ente provvederà ad indicare il numero di conto corrente postale di prelievo nei dati della reversale, secondo le specifiche OPI
    • Tenuto conto che l’Ente è già attivo in Siope+ si chiede conferma che il Tesoriere sarà tenuto a conservare i soli documenti firmati dallo stesso, restando a carico dell’ente gli adempimenti ed oneri per la conservazione e archiviazione dei documenti dallo stesso firmati, mediante conservatore accreditato presso AgID
    • Dall’interrogazione di Centrale dei Rischi al dicembre 2020 si evidenzia uno sconfinamento di € 240.000 (in costante aumento dalle rilevazioni precedenti) nella categoria “fidi a revoca”
      Al fine della corretta valutazione del merito creditizio si richiedono i dettagli e le cause di detto sconfinamento.
    • Ai fini della valutazione del merito creditizio si chiede di mettere a disposizione del nostro Istituto il rendiconto di gestione dell’anno 2019, completo di tutti gli allegati, ivi compresa la relazione dei revisori
    • Stante la necessità di ricevere ed esaminare quanto sopra per l’istruttoria della nostra partecipazione, si chiede la proroga dei termini per la presentazione dell’offerta.


    In risposta a tutti i quesiti posti, si specifica quanto segue:
    1 Con riferimento alla sottoscrizione di tutta la documentazione di gara si conferma la validità della sottoscrizione da parte di soggetto all’uopo facoltizzato, purché venga allegata copia autentica del verbale di Consiglio di Amministrazione in ordine all’attribuzione dei poteri di firma.
    2 Anche se nell’offerta economica per i tassi debitori e creditori viene indicato il parametro di riferimento dell’euribor 3 mesi (base 365), si conferma quanto rilevato dall’European Money market Institute, il quale ha previsto a valere dal 01/04/2019 la cessazione di tali parametri euribor su base 365. Si conferma pertanto quanto rilevato a correzione di quanto indicato nel bando di gara.
    3 In convenzione non esistono obblighi sulla concessione di mutui ipotecari e/o chirografari, pertanto la mancata indicazione di tale tasso può portare al massimo l’attribuzione di un punteggio pari a zero e non una penalità
    4 Nello schema di convenzione risulta previsto che “in merito alle riscossioni di somme affluite sui conti correnti postali intestati all’Ente per i quali al Tesoriere è riservata la firma di traenza, il prelevamento dai conti medesimi è disposto esclusivamente dall’Ente medesimo a cadenza quindicinale, mediante una specifica richiesta di prelevamento firmata dal responsabile del servizio finanziario”.
    Si conferma in tal caso la possibilità di effettuare tali prelevamenti da parte dell’Istituto Tesoriere anche con modalità diverse dal prelevamento tramite assegno postale, come ad esempio la procedura SDD. In ogni caso l’incasso di tali somme dovrà essere effettuato senza creare sospesi in entrate da regolarizzare successivamente.
    5 Si conferma che il Tesoriere sarà tenuto alla conservazione dei soli documenti firmati dallo stesso, restando a carico dell’ente gli adempimenti ed oneri per la conservazione e archiviazione dei documenti firmati dal Ns. Ente.
    6 Anche se dalla Vs. interrogazione sulla Centrale Rischi al dicembre 2020 risulta uno sconfinamento di euro 240.000,00 (in costante aumento dalle rilevazioni precedenti) nella categoria “fidi e revoca”, dai Ns. dati ed archivi non risulta tale sconfinamento. Pertanto il Ns. Ente provvederà immediatamente a fare idonea richiesta in tal senso alla Centrale dei Rischi della Banca di Italia al fine di approfondire tale tematica.
    7 Si rimette in allegato ai documenti di gara il rendiconto di gestione dell’anno 2019 (completo di tutti i suoi allegati) e la relativa relazione dei Revisori dei Conti.
    8 Vista la richiesta avanzata di cui al p. 6 da inoltrare alla Centrale Rischi della Banca di Italia si concederà una proroga che verrà indicata sul portale in maniera adeguata.
     
    03/05/2021 12:14
  5. 03/05/2021 17:33 -
    1. Con riferimento al parametro di gara relativo al “Tasso di riduzione da applicarsi alla percentuale di interesse richiesto dalla Cassa Depositi e Prestiti per mutui ipotecari/ chirografario, ovvero sprovvisto di garanzie reali ai mutui”, si chiede conferma che la mancata formulazione dell’offerta per tale parametro comporterà esclusivamente l’attribuzione del relativo punteggio pari a zero e non comporterà alcun impegno creditizio da parte del Tesoriere;
     
    1. Con riferimento alla nomina del Tesoriere a Responsabile del trattamento dei dati personali di cui all’art.  29, c. 3 dello Schema di convenzione, si chiede conferma che possa avvenire utilizzando lo schema di accordo e relative misure di sicurezza in uso normalmente alla Banca per i servizi della specie e che alleghiamo per visione ed accettazione. In alternativa si chiede di volere fornire quello proposto da codesto Ente affinché possa essere valutato dalla Banca. 
    Si chiede, altresì, di volere fornire chiarimenti in merito alla seguente previsione: ”il Tesoriere si impegna ad effettuare tale trattamento in conformità a quanto indicato nel disciplinare allegato 1) alla presente convenzione, che dovrà essere restituito firmato digitalmente per accettazione.” atteso che il predetto documento non risulta, salvo errori, accluso tra gli Atti di gara, fornendone eventualmente copia affinché possa essere esaminato;
     
    1. Con riferimento all’oggetto del servizio, considerato che, a seguito della pubblicazione sulla GU n. 301 del  24/12/2019 della legge di conversione del decreto 124/2019 (cosiddetto DL Fiscale), il cui art. 57 comma 2-quater abroga i commi 1 e 3 dell’art. 216 e comma 2 art. 226 lettera a) del Dlgs 267/2000 relativi ai controlli sugli stanziamenti di bilancio da parte del Tesoriere, a decorrere dall’esercizio finanziario 2020, il Tesoriere non attuerà più controlli sugli stanziamenti di bilancio e conseguentemente non sarà più necessaria da parte di codesto Spett.le Ente la consegna della relativa documentazione (bilanci di previsione, delibere di variazione, elenchi residui), si chiede conferma che le previsioni contrattuali di cui allo Schema di convenzione inerenti la verifica del rispetto degli stanziamenti e la trasmissione da parte dell’Ente della relativa documentazione siano da considerarsi superate;
     
    1. Con riferimento a quanto previsto all’Art. 1 dello schema di convenzione, si chiede conferma che qualora l'aggiudicatario dislochi, in vigenza di contratto, il servizio in altro luogo l'Ente si riservi unicamente la facoltà di recedere dalla Convenzione e che il recesso non sarà per inadempienza del Tesoriere, ma come facoltà dell'Ente prevista convenzionalmente;
     
    1. L’ Art. 4 - Riscossioni -, comma 2 dello schema di convenzione prevede che: “In caso di impossibilità per qualsiasi causa ad emettere o trasmettere ordinativi informatici di incasso sottoscritti digitalmente, il Tesoriere si impegna comunque ad accettare i predetti ordinativi su supporto cartaceo con firma autografa.”. Si chiede di precisare come la Provincia intenda gestire ordinativi cartacei in presenza di SIOPE+ (mediante “carte contabili”? quando sono ammesse tali operazioni di norma non accettabili?);
     
    1. Con riferimento all’Art.4 - Riscossioni – comma 5, che prevede da parte del Tesoriere il rilascio di quietanze, tenuto conto che essendo l’Ente in Siope + resta in capo al Tesoriere la sola resa del Giornale di Cassa/ricevute, si chiede conferma che trattasi di un refuso;
    2. Con riferimento all’Art. 4 - Riscossioni – comma 12, si chiede conferma che il prelevamento dai conti correnti postali possa essere altresì effettuato mediante attivazione del servizio SDD in alternativa all'operatività di emissione dell’assegno postale di traenza; 
    3. Con riferimento all’Art. 4 - Riscossioni – comma 13, si chiede conferma che in caso di accettazione di versamento di assegni, l'ente sottoscriverà apposita manleva a favore del Tesoriere con la quale lo autorizzi ad addebitare l’importo dell’assegno restituito per qualsiasi motivo dalla banca corrispondente, nonché delle relative spese, si impegni ad emettere il mandato a copertura, restando a carico dell’ente stesso il recupero della quietanza rilasciata dal Tesoriere;
    4. Con riferimento a quanto previsto dall’Art. 4 - Riscossioni – comma 14, relativamente all’installazione dei POS, si chiede conferma che l’attivazione dei POS integrati PagoPA da parte del Tesoriere avverrà con i tempi da concordare tra le parti in base alla eventuale complessità delle linee guida ed altre criticità ad oggi non valutabili;
    5. Con riferimento a quanto previsto dall’Art. 4 - Riscossioni – comma 14, ove indicato: ”Il transato Pagobancomat è senza commissioni a carico dell’ente. Il transato mediante carta di credito sarà assoggettato alla commissione definita in sede di gara.”, ed all’Art. 19 che prevede, tra l’altro, l’esenzione delle “commissioni su transato POS per gli incassi tramite POS”, si chiede conferma che tale esenzione sia da intendersi riferita solamente al transato Pagobancomat mentre saranno corrisposte le commissioni su transato mediante carta di credito come da offerta di gara; in tal caso, si chiede di confermare che la predetta offerta possa essere inserita nell’”Allegato modulo offerta” ancorché senza attribuzione di punteggio;     
    6. Con riferimento a quanto previsto dall’Art. 4 - Riscossioni – comma 16, in tema PagoPA e relative modalità di rendicontazione, si chiede conferma che, nell’ipotesi il Tesoriere non sia nominato partner tecnologico e non siano attivati con lo stesso i servizi di incasso, l’unico onere a carico dello stesso tesoriere sarà quello di riportare sul giornale di cassa la causale/IUV degli accrediti tramite nodo dei pagamenti.
    7. Con riferimento alle previsioni di cui agli Art. 8 – Gestione informatizzata del servizio, in particolare commi 4 e 7, Art. 15 - Obblighi del Tesoriere ed all’Art. 20 - Durata della convenzione, si chiede conferma:
    - che ad eventuali aggiornamenti ed adeguamenti del proprio sistema informatico l’ente provvederà in autonomia e con spese a proprio carico e che comunque il tesoriere è tenuto ad adeguamenti del servizio alle sole eventuali modifiche normative. Anche in tale caso ciascuna parte provvederà per gli aspetti di propria competenza anche con riferimento alle spese da sostenere;
    - premesso che l’ente è già operante in SIOPE+ per la tratta di competenza, che per la gestione informatizzata del servizio il tesoriere garantirà la sola tratta di competenza, ovvero BANKIT/SIOPE+ - TESORIERE e viceversa e nessun altro onere ad essa riconducibile;  
    - che gli adempimenti a carico del Tesoriere in ottica SIOPE + siano da intendersi esclusivamente quelli previsti dalle Linee Guida Agid;
    1. Si chiede conferma che il rilascio di garanzie fideiussorie come previsto dall’art. 13 dello schema di convenzione, sarà subordinato alla positiva valutazione del merito creditizio ad insindacabile giudizio del Tesoriere, restando fermo che saranno valutati solo impegni di firma di natura commerciale e finanziaria, ma limitati alle seguenti fattispecie: garanzia dell'obbligo di corresponsione di un corrispettivo di pagamento che sia un fitto o una prestazione/fornitura di beni/servizi o anche la potenziale manifestazione finanziaria di un danno da inadempimento contrattuale da parte dell’Ente, escluse fidejussioni in favore di Banche/Istituti finanziari a garanzia di finanziamenti dagli stessi erogati. Resta inteso che, in caso di cessazione del servizio, L'Ente si impegna a far rilevare dal Tesoriere subentrante tutti gli obblighi inerenti ad eventuali impegni di firma. Si chiede infine conferma che resta totalmente esclusa la possibilità di rilascio di fideiussioni a favore di società interamente partecipate dal Comune, in quanto si tratta di soggetti estranei alla convenzione;
    2. Con riferimento all’Art. 19 – Canone per lo svolgimento del servizio, si chiede di volere specificare a quali altri eventuali servizi, esenti da qualsiasi commissione bancaria aggiuntiva, non compresi nell’elenco indicato in detto articolo da intendersi non esaustivo “ma a titolo meramente esemplificativo”, si faccia riferimento;
    3. Con riferimento all’esenzione delle commissioni per i bonifici esteri di cui al predetto Art. 19, si chiede conferma che l’esenzione non riguardi eventuali oneri reclamati dai terzi sui bonifici esteri, che, pertanto, qualora sostenuti saranno rimborsati al Tesoriere;
    4. Con riferimento alla costituzione della Garanzia provvisoria (articolo 93 del Codice) di cui all’3.3.1 del Disciplinare di gara, si chiede conferma del relativo importo considerato che alla lettera a) si fa riferimento ad “un importo di euro 1.220,00 pari al 2% (due per cento) del valore a base di gara di cui al punto 2.1”, del quale in detto punto 2.1 non vi è evidenza;
    5. Con riferimento a quanto previsto dall’Art. 3 – Documentazione amministrativa del Disciplinare di gara, DOCUMENTO DI GARA UNICO EUROPEO, lettera a), ove viene richiesta a pena di esclusione “l’accettazione degli atti di cui al punto 3.0.8 … omissis …” considerato che, salvo errori, non vi è evidenza del predetto punto 3.0.8, si chiedono chiarimenti.



    Rimanendo in attesa di un vostro pronto riscontro, porgiamo cordiali saluti.

     


    1.           Si conferma che la mancata indicazione del tasso di riduzione da applicarsi alla percentuale del tasso di interesse della Cassa depositi e Prestiti comporta esclusivamente l’applicazione di un punteggio pari a zero per detto criterio  e non comporterà null’altro.

    2.           si conferma che può essere utilizzato lo schema di accordo e relative misure di sicurezza in uso normalmente alla Banca per i servizi della specie.

    3.           Si conferma che il Ns. Ente risulta aver applicato quanto previsto sulla GU n. 301 del  24/12/2019 della legge di conversione del decreto 124/2019 (cosiddetto DL Fiscale), il cui art. 57 comma 2-quater abroga i commi 1 e 3 dell’art. 216 e comma 2 art. 226 lettera a) del Dlgs 267/2000 relativi ai controlli sugli stanziamenti di bilancio da parte del Tesoriere, a decorrere dall’esercizio finanziario 2020, pertanto l’Istituto Tesoriere non attuerà più controlli sugli stanziamenti di bilancio e conseguentemente non sarà più necessaria da parte di codesto Spett.le Ente la consegna della relativa documentazione (bilanci di previsione, delibere di variazione, elenchi residui).
    4.           Premesso come da norma e giurisprudenza consolidata i requisiti di ammissione devono essere conservati per tutto il periodo di aggiudicazione della gara; considerato che tale requisito sia essenziale come evidenziato dalla documentazione di gara; si specifica che nel caso in cui il Vs. Istituto decida di dismettere la sede/i in altro luogo diverso da Frosinone, si determina in automatico la risoluzione del contratto con successiva valutazione del danno che detta risoluzione può comportare all’Ente, fermo restando l’obbligo che il Vs. istituto deve impegnarsi a mantenere l’attività di Tesoreria fino al subentro del nuovo istituto di credito con funzioni di Tesoreria.

    5.           Risulta da intendersi che a causa di mancato funzionamento del sistema possono essere emessi da parte del Ns., Ente (Provincia di Frosinone) richieste di emissione di sospesi di pagamento con richiesta in firma autografa da parte del responsabile finanziario, con successiva emissione di mandato di pagamento a copertura del provvisorio di pagamento in uscita.
    6.           Con riferimento all’Art.4 - Riscossioni – comma 5, che prevede da parte del Tesoriere il rilascio di quietanze, tenuto conto che essendo l’Ente in Siope + resta in capo al Tesoriere la sola resa del Giornale di Cassa/ricevute. Ma qualora il Ns. Ente abbia bisogno di quietanze di anni precedenti l’Istituto Tesoriere risulta tenuto alla relativa consegna. Quindi non si tratta di refuso.
    7.           Con riferimento all’Art. 4 - Riscossioni – comma 12, si conferma che il prelevamento dai conti correnti postali viene effettuato mediante attivazione del servizio SDD;

    8.           Con riferimento all’Art. 4 - Riscossioni – comma 13, si conferma che in caso di accettazione di versamento di assegni, l'ente sottoscriverà apposita manleva a favore del Tesoriere con la quale lo autorizzi ad addebitare l’importo dell’assegno restituito per qualsiasi motivo dalla banca corrispondente, nonché delle relative spese, si impegni ad emettere il mandato a copertura, restando a carico dell’ente stesso il recupero della quietanza rilasciata dal Tesoriere;

    9.           Con riferimento a quanto previsto dall’Art. 4 - Riscossioni – comma 14, relativamente all’installazione dei POS, si conferma che l’attivazione dei POS integrati PagoPA da parte del Tesoriere avverrà con i tempi da concordare tra le parti in base alla eventuale complessità delle linee guida ed altre criticità ad oggi non valutabili;
    10.         Con riferimento a quanto previsto dall’Art. 4 - Riscossioni – comma 14, ove indicato: ”Il transato Pagobancomat è senza commissioni a carico dell’ente. Il transato mediante carta di credito sarà assoggettato alla commissione definita in sede di gara.”, ed all’Art. 19 che prevede, tra l’altro, l’esenzione delle “commissioni su transato POS per gli incassi tramite POS”, si conferma che tale esenzione sia da intendersi riferita solamente al transato Pagobancomat, incluso gli incassi tramite POS, mentre saranno corrisposte le commissioni su transato mediante carta di credito per i valori dichiarati in sede di gara che dovrà essere  inserita nell’”Allegato modulo offerta” ma non avrà alcuna assegnazione/valorizzazione di punteggio. Si specifica che qualora il concorrente non esprima in sede di gara la commissione da applicare al transato con carte di credito la stessa sarà intesa al pari del transato POS ossia senza commissioni;
    11.         Con riferimento a quanto previsto dall’Art. 4 - Riscossioni – comma 16, in tema PagoPA e relative modalità di rendicontazione, si conferma che, nell’ipotesi il Tesoriere non sia nominato partner tecnologico e non siano attivati con lo stesso i servizi di incasso, l’unico onere a carico dello stesso tesoriere sarà quello di riportare sul giornale di cassa con la causale/IUV degli accrediti tramite nodo dei pagamenti.

    12.         Con riferimento alle previsioni di cui agli Art. 8 – Gestione informatizzata del servizio, in particolare commi 4 e 7, Art. 15 - Obblighi del Tesoriere ed all’Art. 20 - Durata della convenzione, si  conferma:
    che ad eventuali aggiornamenti ed adeguamenti del sistema informatico in uso presso l’ente, a cui si provvederà in autonomia e con spese a proprio carico, sarà onere ed obbligo del tesoriere adeguare, a propria cura e spese, i propri sistemi alle sole eventuali modifiche normative e comunque in modo da avere compatibilità tra sistemi in uso alla Provincia e sistemi in uso al tesoriere. Anche in tale caso ciascuna parte provvederà per gli aspetti di propria competenza anche con riferimento alle spese da sostenere;
    Premesso che l’ente è già operante in SIOPE+ per la tratta di competenza, che per la gestione informatizzata del servizio il tesoriere garantirà la sola tratta di competenza, ovvero BANKIT/SIOPE+ - TESORIERE e viceversa e nessun altro onere ad essa riconducibile;
    In ultimo gli adempimenti a carico del Tesoriere in ottica SIOPE + sono da intendersi quelli previsti dalle Linee Guida Agid nonché quelli per garantire compatibilità tra Provincia e Tesoriere;

    12.bis    Si conferma che il rilascio di garanzie fideiussorie come previsto dall’art. 13 dello schema di convenzione, sarà subordinato alla positiva valutazione del merito creditizio ad insindacabile giudizio del Tesoriere, restando fermo che saranno valutati solo impegni di firma di natura commerciale e finanziaria, ma limitati alle seguenti fattispecie: garanzia dell'obbligo di corresponsione di un corrispettivo di pagamento che sia un fitto o una prestazione/fornitura di beni/servizi o anche la potenziale manifestazione finanziaria di un danno da inadempimento contrattuale da parte dell’Ente, escluse fidejussioni in favore di Banche/Istituti finanziari a garanzia di finanziamenti dagli stessi erogati. Resta inteso che, in caso di cessazione del servizio, L'Ente si impegna a far rilevare dal Tesoriere subentrante tutti gli obblighi inerenti ad eventuali impegni di firma. Si conferma che resta totalmente esclusa la possibilità di rilascio di fideiussioni a favore di società interamente partecipate dalla Provincia, in quanto si tratta di soggetti estranei alla convenzione;

    13.         Con riferimento all’Art. 19 – Canone per lo svolgimento del servizio, si specifica che il canone è da intendersi quale unica remunerazione del tesoriere per tutti i servizi richiesti ad eccezione di quanto previsto al successivo punto 14;

    14.         Con riferimento all’esenzione delle commissioni per i bonifici esteri di cui al predetto Art. 19, si conferma che l’esenzione non riguarda eventuali oneri reclamati dai terzi sui bonifici esteri, che, pertanto, qualora sostenuti saranno rimborsati al Tesoriere dalla Provincia;


    15.         Con riferimento alla costituzione della Garanzia provvisoria (articolo 93 del Codice) di cui all’3.3.1 del Disciplinare di gara, si conferma l’importo considerato di euro 1.220,00 pari al 2% (due per cento).

    16.         Con riferimento al punto 3 del disciplinare di gara, sezione dedicata al DOCUMENTO DI GARA UNICO EUROPEO, si rappresenta che le indicazioni fornite in merito sono puramente esemplificative e mirano ad orientare l’ operatore economico nella compilazione del DGUE a seconda del tipo di appalto di cui trattasi. Quanto appena esposto è confermato dall’inciso di cui a pag. 14 (se previsti). Pertanto, per quanto qui di interesse, si prega di non considerare la dicitura “l’accettazione degli atti di cui al punto 3.0.8 … omissis …” e di compilare il DGUE avendo cura di dichiarare tutte le condizioni all'uopo necessarie per la gestione del servizio di tesoreria.
     
    06/05/2021 18:14

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Provincia di Frosinone

Piazza Gramsci, 13 Frosinone (FR)
Tel. 0775219375 - Email: gareappalti@provincia.fr.it - PEC: gare@pec.provincia.fr.it