Gara - ID 665

Stato: Pubblicazione


Registrati o Accedi Per partecipare

ProceduraAperta
CriterioMinor prezzo
OggettoLavori
GARA SUA. N. 87/2022 – AFFIDAMENTO DEI LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DELL’INTERVENTO “MESSA IN SICUREZZA DEL FIUME COSA IN CORRISPONDENZA DEL TRATTO DI ALVEO ATTRAVERSATO DAL PONTE DI VIALE ROMA” - CUP E44H20001290001 – COMUNE DI FROSINONE
CIG
CUPE44H20001300001
Totale appalto€ 635.000,00
Data pubblicazione 23/11/2022 Termine richieste chiarimenti Martedi - 06 Dicembre 2022 - 10:00
Scadenza presentazione offerteLunedi - 12 Dicembre 2022 - 10:00 Apertura delle offerteLunedi - 12 Dicembre 2022 - 10:30
Categorie merceologiche
  • 45 - Lavori di costruzione
DescrizioneGARA SUA. N. 87/2022 – AFFIDAMENTO DEI LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DELL’INTERVENTO “MESSA IN SICUREZZA DEL FIUME COSA IN CORRISPONDENZA DEL TRATTO DI ALVEO ATTRAVERSATO DAL PONTE DI VIALE ROMA” - CUP E44H20001290001 – COMUNE DI FROSINONE
Struttura proponente Ufficio Tecnico
Responsabile del servizio Ing. Benito Caringi Responsabile del procedimento
Allegati
Richiesta DGUE XML
File zip messa-in-sicurezza-tratto-di-alveo-fiume-cosa-in-corrispondenza-del-ponte-di-via-roma - 132.84 MB
23/11/2022
File pdf disciplinare-alveo-fiume-cosa - 1.85 MB
23/11/2022
File doc modello-1-lavori-con-pnrr-nov-2022 - 391.50 kB
23/11/2022
File doc modulo-atto-di-impegno- - 271.50 kB
23/11/2022
File doc modulo-ausiliaria - 269.00 kB
23/11/2022
File doc modulo-ausiliata-lavori - 269.50 kB
23/11/2022
File doc modulo-offerta- - 264.50 kB
23/11/2022
File doc modulo-b-presa-visione-luoghi - 253.50 kB
23/11/2022
File xml dgue-request - 9.80 kB
23/11/2022

Chiarimenti

  1. 28/11/2022 13:00 - Spettabile Stazione Appaltante,
    si richiede se, il Direttore Tecnico, opportunamente munito di delega, della Consorziata indicata quale Esecutrice delle opere può effettuare il Sopralluogo previsto dal Disciplinare di Gara, per conto ed in nome del Consorzio Stabile, operatore partecipante alla procedura di gara.
    Grazie


    Premesso che:
    La giustizia amministrativa, a fronte dei differenti orientamenti giurisprudenziali formatisi dopo la modifica dell’art. 47 del Codice, ritiene maggiormente convincente quello secondo cui alla luce della novella legislativa del 2019 non è venuto meno l’istituto del “cumulo alla rinfusa”. In proposito, non è dirimente la recente pronuncia della Plenaria n. 5/2021, in cui si è incidentalmente osservato che il DL n. 32/2019 avrebbe ripristinato l’originaria e limitata perimetrazione del cd. cumulo alla rinfusa ai soli aspetti relativi alla disponibilità delle attrezzature e dei mezzi d’opera, nonché all’organico medio annuo. La pronuncia, infatti, ha esaminato e reso un principio di diritto che riguardava una specifica questione, vale a dire se la “La consorziata di un consorzio stabile, non designata ai fini dell’esecuzione dei lavori [… sia o meno…] equiparabile, ai fini dell’applicazione dell’art. 63 della direttiva 24/2014/UE e dell’art. 89 co. 3 del d.lgs. n. 50/2016, all’impresa ausiliaria nell’avvalimento”, e ha fornito a tale quesito risposta affermativa, alla luce della disciplina all’epoca della gara vigente, ossia prima della modifica del DL n. 32/2019. Avuto riguardo allo specifico argomento in discussione nella presente controversia, vale a dire quale sia la corretta interpretazione da darsi al novellato testo dell’art. 47 del Codice e se possa affermarsi o meno la sopravvivenza normativa del “cumulo alla rinfusa”, si condividono le conclusioni a cui è recentemente pervenuto il Consiglio di Stato, nella decisione della sezione V n. 2588 del 29 marzo 2021. In tale pronuncia, avuto riguardo alle procedure di affidamento di servizi e forniture e al comma 2 bis dell’art. 47, introdotto dalla menzionata riforma del 2019 e secondo cui “la sussistenza in capo ai consorzi stabili dei requisiti richiesti nel bando di gara per l’affidamento di servizi e forniture è valutata, a seguito della verifica della effettiva esistenza dei predetti requisiti in capo ai singoli consorziati”, si è affermato che la disposizione, “letta in combinato con la regola del c.d. cumulo alla rinfusa dei requisiti del consorzio stabile prevista dal medesimo art. 47, comma 1, deve ragionevolmente essere intesa nel senso che essa abbia inteso introdurre un onere di verifica dei requisiti di qualificazione da svolgere presso gli operatori economici partecipanti al consorzio stabile e che a quest’ultimo hanno apportato le loro rispettive capacità tecnico-professionali o economico-finanziarie. Dalla medesima disposizione non può invece desumersi che il singolo consorziato, indicato in gara come esecutore dell’appalto, debba essere a sua volta in possesso dei requisiti di partecipazione. Come sottolineano da alcune parti in sede di giudizio ad opinare in questo senso verrebbero svuotate la finalità pro concorrenziali dell’istituto del consorzio stabile, oltre che il suo stesso fondamento causale, enunciato dall’art. 45, comma 2, lett. c), del Codice dei contratti pubblici, ed incentrato sullo stabile apporto di capacità e mezzi aziendali in una «comune struttura di impresa» deputata ad operare nel settore dei contratti pubblici ed unica controparte delle stazioni appaltanti, secondo quanto previsto dall’art. 47, comma 2, del Codice  (cfr. in questo senso, da ultimo: Cons. Stato, V, 2 febbraio 2021, n. 964; 11 dicembre 2020, n. 7943)”. In sostanza, l’intervento legislativo operato dal DL n. 32/2019 non può essere inteso nel senso di privare di significato ed alterare la natura stessa del Consorzio stabile, che si concretizza in un’impresa operativa che fa leva sulla causa mutualistica e, come tale, può avvalersi di qualsiasi contributo, in termini di requisito, dei consorziati, senza dover ricorrere allo strumento dell’avvalimento.

    Ciò premesso
    Il direttore tecnico dell’impesa consorziata è da intendersi come apporto di capacità e mezzi aziendali in una «comune struttura di impresa» della consorziata a favore del consorzio. Pertanto si ritiene che il Direttore tecnico può eseguire il sopralluogo:
    • Senza delega se è anche direttore tecnico del consorzio
    • Con delega semplice per i casi diversi dal primo punto elenco
    29/11/2022 15:57
  2. 28/11/2022 16:54 - Buonasera, 
    si chiedono chiarimenti circa quanto richiesto a pag 19 punto 3.1. del disciplinare di gara e più precisamente si chiede se,  in caso di direttore tecnico o altro soggetto obbligato ai sensi dell’art. 80 comma 3 del Codice diverso dal titolare o legale rappresentante della  ditta concorrente, il possesso dei requisti richiamati nell’istanza di partecipazione, possa essere dichiarato, sotto resppnsabilità,  dal legale rappresentante per sè e per gli altri come tra l’altro previsto nello stesso modello 1 “Domanda di paartecipazione” oltre che dalla legge (Comunicato del Presidente del 26 ottobre  2016 Sostituito dal Comunicato del Presidente dell’8 novembre 2017 -Indicazioni alle stazioni appaltanti e agli operatori    economici sulla definizione dell’ambito soggettivo dell’art. 80 del   d.lgs.  50/2016 e sullo svolgimento delle verifiche sulle dichiarazioni   sostitutive  rese dai concorrenti ai sensi del d.p.r. 445/2000 mediante   utilizzo del modello  di DGUE) omettendo quindi la singola dichiarazione richiesta per il  direttore Tecnico.
    Si resta in attesa di riscontro, si porgono Cordiali Saluti 


    Si è possibile presentare una dichiarazione a firma del legale rappresentate che assumerà però tutta la responsabilità civile e penale in caso di dichiarazione falsa e mendace. 
     Detta procedura è già prevista nel modello A1 presente tra i documenti di gara
    29/11/2022 15:59
  3. 29/11/2022 11:14 - Buongiorno, il sopralluogo va prenotato? Inoltre, fino a che giorni dalla data di scadenza si puo effettuare? grazie

    come previsto dal disciplinare di gara 

    Il sopralluogo potrà essere effettuato nei giorni di Lunedì e Mercoledì. Ai fini dell'effettuazione del sopralluogo i concorrenti interessati dovranno presentarsi alle ore 9.00 presso la sede comunale di via Armando Fabi snc . ILsopralluogo invece avrà inizio alle ore 9;30
    Il termine di scadenza coincide con il termine di scadenza della gara.
    29/11/2022 16:03

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Provincia di Frosinone

Piazza Gramsci, 13 Frosinone (FR)
Tel. 0775219375 - Email: gareappalti@provincia.fr.it - PEC: gare@pec.provincia.fr.it